Contents hide

Che cosa sono le imposte indirette?

Le imposte indirette vengono riscosse a carico del soggetto passivo da parte di un intermediario o debitore dell’imposta.

Il soggetto passivo è quello su cui ricade l’obbligo di assolvere l’imposta nei confronti delle autorità fiscali. Nella fiscalità europea, questa responsabilità ricade in primo luogo sul venditore o prestatore di servizi. L’obbligo di assolvimento dell’imposta inizia con il calcolo dell’imponibile e dell’aliquota corretta, passa attraverso degli obblighi formali come la fatturazione, e termina con la liquidazione dell’imposta alle autorità fiscali.

Il soggetto passivo è l’ultimo anello della catena commerciale.

Il soggetto è all’inizio di questa catena e in tutte le fasi intermedie.

Questo tipo di imposte:

IVA è l’acronimo di Imposta sul valore aggiunto. È la più comune delle imposte indirette.

Quali sono le responsabilità della persona responsabile, i suoi diritti (rimborso, detrazione)?

Quali sono i doveri delle persone soggette a imposta IVA?

Il debitore dell’imposta, che è molto spesso il fornitore o venditore, è quindi l’unico responsabile dell’applicazione dell’aliquota IVA corretta, della presentazione di una fattura nelle forme corrette, della riscossione e della liquidazione dell’IVA nei termini e le forme stabiliti dalle autorità locali.

Per “Locali” si intendono del territorio in cui le merci sono considerate cedute o consumate e i servizi forniti o fruiti.

Di conseguenza, un soggetto passivo che riscuote l’IVA ha un ultimo obbligo, il più importante: quello di presentare periodicamente le dichiarazioni IVA su un modulo per l’autoliquidazione. A questo obbligo corrispondono una serie di diritti.

Quali sono i diritti delle persone soggette a imposta IVA?

Uno dei pilastri dell’IVA è la neutralità. Il termine “debitore dell’imposta” o “soggetto obbligato” viene tradotto in altri Stati membri per “soggetto passivo” o “persona responsabile”.

In cambio, questo soggetto passivo ha, nella maggior parte dei casi, un diritto riconosciuto dalle proprie autorità fiscali: il diritto alla deduzione.

Vi sono varie eccezioni:

In termini concreti, il diritto alla neutralità sussiste in due casi:

Che cos’è è il diritto di detrarre?

viene offerto alle società che hanno l’obbligo di presentazione delle liquidazioni periodiche dell’IVA.

Nota bene: i soggetti aventi diritto alla deduzione hanno automaticamente anche diritto al rimborso. L’opposto non è vero.

Che cos’è il diritto al rimborso?

quando non è accessorio al diritto alla deduzione, è spesso offerto a soggetti imponibili (società, imprenditori, ecc.) che hanno sopportato l’IVA locale, che non hanno obblighi periodici di liquidazione e quindi non hanno la possibilità di dedurla. Si tratta molto spesso di una procedura per soggetti non residenti distaccati temporaneamente o in missione in un altro Stato membro.

Qual è il modello IVA applicato in Europa?

Si applica a tutte le fasi del ciclo di produzione/commercio

L’IVA nella zona Euro si distingue per la sua applicazione in tutte le fasi della catena.

Concretamente ogni intermediario è tenuto, in quanto debitore dell’imposta, a prescindere dal fatto che il suo cliente sia una impresa o un privato, a presentare una fattura nelle forme dovute, a riscuotere e poi liquidare l’IVA.

Esistono normative armonizzate?

L’applicazione dell’IVA nell’Unione europea è soggetta a due vincoli principali:

Il regolamento di esecuzione che disciplina l’armonizzazione è quindi relativamente “flessibile” in quanto si basa principalmente su una direttiva (la Direttiva IVA).

A differenza dei “regolamenti di esecuzione” che sono direttamente e immediatamente applicabili su tutto il territorio dell’UE, la Direttiva IVA consente agli Stati membri di un certo margine di tempo per recepirla nel diritto interno al fine di ottenere un risultato coerente.

Qual è il peso dell’Europa nell’IVA nazionale?

La coerenza giuridica a livello europeo richiede un altro prerequisito per gli Stati membri: accettare l’autorità sovranazionale. Si tratta della prevalenza del diritto internazionale su quello nazionale.

Gli interessi degli Stati membri sono rappresentati nelle istituzioni che emanano le direttive, i regolamenti di esecuzione a livello europeo, alcuni dei quali saranno trasposti nel diritto interno.

Per risolvere eventuali controversie e preservare la coerenza internazionale, sono state istituite varie istituzioni come la Corte di giustizia dell’Unione europea (CGUE), il Tribunale dell’Unione europea e il Tribunale della Funzione pubblica dell’Unione europea. Le loro decisioni sono applicabili in ogni Stato membro.

Per quanto riguarda l’IVA, il loro peso è rilevante in quanto alle modalità di applicazione della Direttiva IVA, dato che la loro velocità di intervento è incomparabile rispetto ai processi legislativi degli Stati membri.

In conclusione, gli Stati membri pesano sulle decisioni a livello europeo. Ma tali decisioni a loro volta sono vincolanti per gli Stati membri.

L’IVA contribuisce al 12% delle entrate di bilancio dell’UE nel 2019. Si tratta di un tasso uniforme per tutti gli Stati membri su base armonizzata in conformità alle normative dell’UE.

In che modo l’IVA viene armonizzata negli scambi con l’UE?

Tipi di operazioni/operazioni a norma della Direttiva IVA

Le operazioni rientrano in quattro tipologie:

Sono previsti anche diversi casi speciali ben documentati nelle normative europee.

Come viene applicata l’IVA?

Applicare correttamente l’IVA a clienti europei è facile come rispondere ad alcune domande:

In termini di IVA intracomunitaria, la territorialità è generalmente una fonte di problemi da valutare attentamente e confermare con un esperto in caso di dubbi.

Qual è la territorialità e la legittimità degli Stati membri per l’IVA?

Per ogni operazione può esserci un solo Stato membro come destinatario delle entrate.

Fortunatamente, le norme e le sentenze della CGUE relative alla territorialità delle operazioni sono molto esplicite.

La questione della territorialità è importante perché richiede al contribuente di rivolgersi all’autorità fiscale del paese interessato per:

Per esempio: In occasione della cessione di beni merci a privati in un altro Stato membro da un deposito locale, le autorità fiscali dello Stato membro in questione potrebbero imporre una serie di formalità come apertura di partita IVA, compilazione e presentazioni di autoliquidazioni periodiche dell’IVA, ecc.

Infine, gli obblighi relazionati vengono spesso omessi dagli operatori, in particolare la presentazione di ECSL (elenchi riepilogativi cessioni intracomunitarie) e di dichiarazioni Intrastat (DEB in Francia). Anche questi sono obbligatori.

Perché le identificazioni in Europa sono talvolta obbligatorie?

Ci possono essere diversi motivi per cui uno Stato membro richiede l’identificazione fiscale da parte di una persona, un imprenditore o un’azienda non stabilita, prima di consegnare beni o fornire un servizio.

La logica è la seguente: ogni volta che c’è un rischio fiscale, immediatamente o in caso di frode o irregolarità involontaria, lo Stato membro in cui chiederà l’identificazione di un non residente, o sposterà la responsabilità del fornitore al destinatario dei beni o dei servizi.

I casi più comuni sono:

Le vendite a distanza fanno obbligatoria l’identificazione IVA?

Consegna di merci a privati in Europa: ogni Stato membro ha stabilito un limite nazionale (soglia) al di sopra del quale scompare la deroga territoriale e il fornitore non può più fatturare se non con l’IVA dello Stato membro in cui effettua la consegna . Fate attenzione per le merci di accisa, questa esenzione non esiste.

Poiché un individuo non può mai essere soggetto passivo, lo Stato membro che riceve la consegna non ha altra scelta che confermare la responsabilità del venditore. Quest’ultimo deve quindi fare ciò che è necessario per ottenere un’identificazione fiscale ai fini dell’IVA e deve sottoscrivere l’obbligo di liquidazione periodica: si prevede che riscuotano e quindi paghino l’IVA.

Al di là dell’IVA vi sono altri obblighi informativi e statistici ai quali sono soggetti a i soggetti passivi che spostano merci attraverso le frontiere europee.

Gli importatori non residenti sono tenuti a registrarsi all’IVA?

Quando un individuo, un imprenditore o un’impresa porta le merci nel territorio doganale, lo Stato membro designa il proprietario (o una terza parte di sua scelta) come “responsabile per l’importazione” o “importatore per la registrazione”.

Vale a dire che questo proprietario riceve una liquidazione da parte dell’autorità doganale, sulla base di una fattura e di documenti doganali, specificando l’importo di eventuali dazi, nonché l’IVA da pagare per consentire la libera circolazione: per semplificare, “fintanto che questo non è pagato o garantito da un terzo, le merci sono trattenute dai servizi doganali per un determinato periodo prima della distruzione “.

Lo Stato membro che ha ricevuto questo bene può richiedere, oltre l’EORI, un’identificazione fiscale locale completa. In questo caso, ai contribuenti europei viene chiesta una partita IVA, ma non sono obbligati a sottoscrivere l’obbligo di dichiarare periodicamente perché l’importazione non è una transazione di riscossione IVA.

Gli esportatori non residenti sono tenuti al registro IVA?

Dal momento in cui un soggetto passivo porta le merci fuori dal territorio di uno Stato membro, quest’ultimo richiederà – come misura precauzionale – che il proprietario (al momento dell’uscita dal territorio) debba essere identificato in anticipo e abbia sottoscritto l’obbligo di dichiarare periodicamente.

Infatti, il sospetto di frode o irregolarità incita lo Stato membro che lascia andare un bene per il quale non viene fatturata l’IVA locale, a vincolare amministrativamente questo proprietario: quest’ultimo dovrà identificarsi all’IVA e dichiarare periodicamente. In caso di non giustificare l’uscita dal territorio, le dogane e/o le autorità fiscali emetteranno immediatamente una liquidazione dell’IVA che avrebbe dovuto essere liquidata se la consegna fosse stata effettuata nello stesso territorio. Questa liquidazione può essere indirizzata al fornitore solo in quanto il cliente è stabilito all’estero.

Cos’è il soggetto passivo con il diritto di detrarre

Quando un soggetto passivo consegna merci a condizioni concrete o fornisce servizi che lo Stato membro competente ha classificato come “diritto alla detrazione”, il soggetto passivo non residente sarà informato dell’obbligo di identificarsi per l’obbligo di dichiarare periodicamente.

Infatti, la detrazione può avvenire solo tramite modulistica nazionale: il diritto di deduzione può essere esercitato solo entro i termini e il quadro giuridico esistente per i soggetti passivi locali.

Quando le consegne intracomunitarie di merci sono esente dall’IVA?

Si tratta di :

Che cosa deve fare un fornitore intracomunitario di beni per esercitare l’esenzione?

Se si soddisfano le condizioni per beneficiare dell’esenzione:

La fattura corrispondente deve:

Il fornitore deve fare una dichiarazione statistica (intrastat).

Che cosa riceve dopo l’esenzione il detinatario dell’acquisizione intracomunitaria?

Se si soddisfano le condizioni per beneficiare dell’esenzione:

La fattura corrispondente deve:

Glossario IVA semplificato:

Che cos’è un soggetto passivo?

Si può leggere in alcuni testi – anche ufficiale – “soggetto all’IVA”, che è fonte di confusione.

Fare attenzione a fare la distinzione tra “soggetto” e “responsabile” perché è una base del diritto tributario.

È necessario ignorare il significato logico della parola “persona imponibile” e sostituirla con “imprenditore o azienda”.

Un soggetto passivo è una persona indipendente (non impiegata), fisica o legale, che effettua operazioni, principalmente commerciali, in modo puntuale o regolare.

Cos’è imponibile?

Una transazione non è considerata imponibile ai fini IVA se le condizioni di base non sono soddisfatte. Un esempio grafico è quello di due imprenditori europei che si trovano ad una fiera negli Stati Uniti e uno rivende agli altri oggetti decorativi acquistati sul posto. Si tratta infatti di una consegna di merci tra due persone imponibili europee, ma la consegna delle merci viene effettuata in un territorio al di fuori dell’ambito dell’IVA europea (comprendere al di fuori della giurisdizione). In termini di IVA europea questa transazione non è imponibile.

Cosa si intende per esente dall’IVA?

Una transazione soggetta all’IVA, ma le cui normative consentono al contribuente di non applicare l’IVA, è esente. Alcuni beni o servizi essenziali sono quindi esenti dall’IVA.

Una transazione può essere esente per il fornitore quando il destinatario è responsabile all’arrivo (caso di consegne / acquisizioni di beni e servizi intracomunitari).

Qual è la differenza tra non residente e non stabilito?

Questi sono due concetti molto simili, ma ognuno si riferisce al proprio marco giuridico: il termine “residente” si riferisce sia a persone giuridiche che fisiche e riguarda il principale luogo di attaccamento. Per un’attività economica e quindi un soggetto passivo, capire la “sede”.

Il concetto di stabilito o stabilimento è esclusivo dei soggetti passivi e si riferisce a un centro operativo.

Ci sono due gradi di stabilimenti a seconda del tipo di imposta:

Importante: in termini di IVA, il concetto di stabile organizzazione è relativamente armonizzato e si basa su criteri simili ai trattati di doppia imposizione, ma senza riunirli tutti. È quindi più facile qualificarsi come stabile organizzazione ai fini IVA, senza avere ripercussioni in termini di imposta sulle società, ad esempio.

Che cosa significa soggetto passivo?

È necessario distinguere in quale contesto siamo in termini di responsabilità : responsabile per obblighi periodici di segnalazione o responsabili per una determinata transazione.

Infatti, un soggetto passivo – responsabile – che presenta dichiarazioni IVA periodiche non è responsabile per tutte le transazioni.

Nella stragrande maggioranza delle transazioni, il contribuente è un soggetto passivo.

Lo stato del debitore è innescato dal diritto di deduzione, che è accompagnato da obblighi periodici di dichiarare.

Prendiamo il caso di due soggetti passivi nazionali (comprendere i “professionisti” al contrario delle persone fisiche) che si consegnino le merci tra loro: il fornitore è un soggetto passivo responsabile per l’operazione, il cliente è anche un soggetto passivo, ma non è responsabile per la transazione. Tuttavia, questi due soggetti passivi sono obbligati ad una dichiarazione alla fine del periodo fiscale.

Che cos’è una transazione IVA?

Dopo la “dissezione” delle operazioni commerciali o logistiche, otteniamo gli elementi indivisibili nella legge. Queste sono le transazioni, ce ne sono solo 4 in termini di IVA e la loro gerarchia è di estrema importanza in alcuni settori:

consegna di merci (nazionale, intracomunitaria ed esportazione)

Importazione

acquisizione intracomunitaria

fornitura di servizi

Noterete che la fornitura di servizi è l’ultima e la sua definizione la rende l’ultima opzione di classificazione: possiamo considerare una fornitura di servizi solo dopo aver verificato che non era una delle 3 categorie precedenti . La territorialità (comprendere il paese competente che riscuote l’IVA) non è la stessa a seconda che si tratti di una consegna di beni o di un servizio), da qui il carattere economico e strategico di questa categoria all’era delle nuove tecnologie e l’accesso ai servizi online .

Volete saperne di più sull’IVA?

Dovete solo rivolgervi al nostro personale