Inglese Francese Spagnolo

vedere anche :
Conformità INTRASTAT in Spagna
Conformità IVA in Spagna
Aliquote IVA (informazioni dettagliate su beni e servizi)

vedi la nostra sezione sul rappresentante dell’IVA in Spagna

SAF-T non è sufficiente

Innanzitutto, la OCSE aveva pubblicato la prima versione del file di audit standard obbligatorio ai fini fiscali (SAF-T) nel 2005. Questo ha iniziato una “nuova era” nel rispetto delle imposte. Alcuni Stati membri introdussero un livello transazionale sui requisiti dei rapporti per la VAT, Questo era basato sia direttamente sul modello SAF-T (ad. Lituania, Polonia) che su altri modelli (ad es. Repubblica Ceca, Romania). Il SII in Spagna rappresenta una soluzione intermedia.

In secondo luogo, la Spagna è stata la prima degli Stati membri a introdurlo. Non è stato solo molto dettagliato, ma anche un obbligo di IVA molto frequente : in tempo reale. A partire da luglio del 2017 è diventata obbligatoria la presentazione immediata dei registri IVA (Suministro Inmediato de Información del IVA, “SII”).

In terzo luogo, come tanti altri certificati commerciali ai fini IVA, il SII si basa su dei file in XML che garantiscono una rendicontazione strutturata, standardizzata e armonizzata. I contribuenti forniscono importanti quantità di dati standardizzati. Grazie all’impiego di idonei strumenti di IT (inclusi quelli più in voga come intelligenza artificiale, analisi di dati e big data) è possibile una maggior automazione dell’audit fiscale. Per esempio, i cosiddetti controlli incrociatiadesso possono essere automatizzati più facilmente. Come risultato, la scoperta di potenziali frodi VAT è più probabile e frequente.

Quadro giuridico del SII spagnolo

L’obbligo di segnalazione SII è stato attuato sulla base del REAL DECRETO n. 596/2016. Ciò ha a sua volta introdotto regolamenti particolari in diversi atti giuridici, in particolare nel regolamento IVA spagnolo (RD 1624/1992).

SII obbligatorio

Il requisito è rivolto principalmente al gruppo di contribuenti che sono obbligati a seguire il regime mensile di deposito, ad esempio:

  • “grandi contribuenti” – qualsiasi contribuente il cui fatturato superi 6 010 121, 04 EURO
  • contribuenti iscritti nel registro dei rimborsi mensili (cosiddetto “REDEME”)
  • contribuenti appartenenti a un gruppo IVA (registrazione IVA congiunta)

Il regolamento si applica anche alle entità non residenti .

SII facoltativo

I contribuenti non iscritti dall’obbligo di cui sopra possono ancora scegliere di seguire questo requisito.

Per i contribuenti disposti a seguire il requisito SII su base facoltativa, la richiesta formale può essere presentata in qualsiasi momento. Inoltre, questo si applicherà dal primo periodo di riferimento dell’anno successivo. L’opzione deve essere quindi esercitata per almeno un anno. Inoltre, durerà fino a quando il contribuente informa sulle dimissioni dall’opzione SII Reporting.

Scadenze del SII in Spagna

Le fatture emesse devono essere riportate entro 4 giorni civili. Questo non include il sabato, la domenica e le festività nazionali. Conteggio dalla data di

  • emissione – in casi diversi da quelli sotto
  • spedizione – in casi di approvvigionamento di beni intra-comunitari;
  • ricevimento – in caso di acquisizione dei beni intra-comunitari.

In caso di auto-fatturazione o fatture emesse da terze parti, il periodo verrà esteso fino a 8 giorni civili.

Le fatture in entrata devono essere dichiarate con 4 giorni civili a partire dalla data di acquisizione della contabilità. Inoltre, 4 giorni civili a decorrere dalla data di ricevimento in caso di acquisto intracomunitario di beni.

In pratica, le società che emettono fatture su base giornaliera dovrebbero prendere in considerazione una routine di presentazione giornaliera. Ciononostante, se si soddisfano determinati criteri, la legge prescrive la presentazione di alcune informazioni sommarie.

Dall’altra parte, il contribuente dovrebbe prendere in considerazione taluni vantaggi in termini di obblighi di rendicontazione. Ciò include in particolare:

  • Le scadenze mensili per la restituzione dell’IVA vanno dal giorno 20al giorno 30 di ogni mese successivo al periodo di presentazione della dichiarazione.
  • Soppressione degli obblighi informativi in materia di IVA: Modelo 347 (tipo di dichiarazione ricapitolativa interna), Modelo 340 (forma speciale per i contribuenti REDEME) & Modelo 390 (IVA annuale)

Sanzioni

Essere non conformi con SII può comportare conseguenze finanziarie. Possono essere applicate sanzioni potenziali:

  • 0,5 del valore totale della fattura per un ritardo nella presentazione dei dati della fattura, da EUR 300 a EUR 6.000 trimestrali
  • 1,0 del valore di errore (ad esempio, omissione), da 150 EUR a 6.000 EUR trimestrali.

Territori autonomi e SII spagnolo

La Spagna possiede territori, che in una certa misura sono autonomi da una prospettiva fiscale spagnola. Ad esempio, le Isole Canarie non fanno parte dell’Unione IVA dell’UE. Anche se, appartenendo alla Spagna politicamente. In realtà, c’è una diversa imposta indiretta sulle isole Canarie – IGIC. Tuttavia, a partire dal gennaio 2019, le segnalazioni SII valgono anche per le Isole Canarie (decreto 111/2018).

Vale la pena ricordare che SII, a partire dal gennaio 2018, è in vigore anche nella regione della Navarra – una delle province che raccoglie le tasse nazionali e regionali in modo indipendente.

Ambito dichiarativo SII spagnolo

SII richiede di segnalare 4 registri principali (libri). Ciò contiene dati molto dettagliati sulle operazioni dei contribuenti:

Fattura emesse

Questo libro contiene dati sulle fatture in uscita, tra cui le vendite nazionali, l’esportazione di beni, le transazioni intracomunitarie e le note di accredito appropriate.

Ogni fattura deve essere descritta da un certo numero di campi che coprono pezzi molto dettagliati di informazioni come:

  • Numero fattura
  • Data di emissione
  • Dati del venditore, incluso la partita IVA (NIF)
  • Dati dell’acquirente, almeno la partita IVA (NIF)
  • Descrizione della transazione
  • Base imponibile ed aliquota IVA
  • Tipo di fattura (ad esempio,’ F1′)-fattura standard,’ F2′-ticket.

Inoltre, ogni documento deve essere mappato al codice di operazione appropriato (chiave di transazione). Ad esempio: ’01 ‘-operazione standard, ’02 ‘-esportazione.

Fatture ricevute

Questo libro contiene dati sulle fatture in entrata, compresi gli acquisti nazionali e l’acquisto intracomunitario di beni.

Le fatture ricevute, simili a quelle emesse, devono essere descritte anche da molti campi. Alcuni di essi sono tipici dell’IVA detraibile. Ad esempio, è necessario indicare un importo deducibile dell’IVA proveniente dalla fattura in entrata.

Le operazioni di acquisto regolate dal meccanismo di inversione contabile e conseguentemente risultanti dal calcolo dell’IVA in uscita sono indicate nel libro delle fatture ricevute. Non è necessario indicare tali record nelle fatture emesse.

Talune operazioni intracomunitarie

Questo libro mastro contiene i dati relativi a specifiche operazioni intracomunitarie. Ad esempio, i cosiddetti acquisti intracomunitari ritenuti devono essere indicati in questo libro. Tale situazione si verifica se un contribuente trasferisce i propri beni da uno Stato membro dell’UE a un altro (nel caso SII-in Spagna). Le acquisizioni intracomunitarie standard devono essere riportate nel libro delle fatture ricevute.

beni mpl d’investimento

Questo libro è applicabile solo ai contribuenti che sono soggetti a regole pro-rata. In altre parole, a coloro che non hanno un diritto pieno di detrazione a causa dell’esecuzione di transazioni esenti.

Schema tecnico

Autorità fiscali spagnole – Agencia Tributaria (AEAT) sottolinea che SII non riguarda l’invio di fatture stesse (anche fatture elettroniche). Tuttavia, riguarda i registri delle fatture(in linea con le strutture del libro IVA descritto al punto anteriore).

I record di fattura (fino a blocchi di 10 000 fatture) vengono inviati a AEAT utilizzando un cosiddetto servizio Web. Dopodiché l’AEAT (Agenzia delle entrate spagnola) verifica (convalida) i registri ricevuti. Dopo di che, utilizzando lo stesso servizio Web speciale che invia la risposta al contribuente con il risultato:

  • Completamente accettati – tutti i registri sono stati registrati da AEAT
  • Completamente respinta – tutti i registri sono stati respinti dall’AEAT (per es. perché non conformi alla struttura tecnica dei libri IVA).
  • Parzialmente accettati – alcuni documenti sono stati accettati, altri no. I record respinti devono essere nuovamente inviati.

Che cosa c’è dopo?

Infine, le autorità fiscali spagnole hanno già annunciato che le segnalazioni SII saranno presto estese alle entità che possono pagare le accise (cosiddette ‘impuestos especiales’ – IIEE). Il requisito entra in vigore dal 1 ° gennaio 2020.

I produttori, i trasformatori e i detentori di depositi di prodotti sottoposti ad accisa saranno generalmente obbligati a utilizzare software di contabilità elettronica interfacciato con AEAT. A questo scopo è stato lanciato un portale speciale chiamato SILICIE . Tuttavia, è abilitata anche un’opzione alternativa di consegna dei dati richiesti.

L’obbligo si applica ai vari tipi di stabilimenti caratteristici della catena di approvvigionamento dei prodotti sottoposti ad accisa. Questi includono in particolare: fabbriche, magazzini fiscali e depositi fiscali. La portata del requisito comprende la registrazione degli eventi di trasformazione, movimentazione e inventario relativi ai prodotti sottoposti ad accisa, nonché le materie prime necessarie per produrli.

Alcune eccezioni sono possibili

Inoltre, è previsto che talune eccezioni possano applicarsi ai fabbricanti che non superano determinate soglie di produzione. Ad esempio: produttori di vino – 100 000 litri all’anno. Tuttavia, essi sarebbero tenuti a rispettare l’obbligo di tenere registri elettronici o almeno libri cartacei in un formato pre-approvato.

L’AEAT ha già pubblicato il contenuto proposto del registro contabile nel documento ufficiale (allegato I) sul portale delle dogane e delle accise del AEAT. Il documento elenca tutte le informazioni obbligatorie e facoltative che le entità possono fornire.

Di norma, il requisito della contabilità per le voci di accisa è soddisfatto attraverso l’utilizzo del portale AEAT. Ciò consente di registrare direttamente i dati. In alternativa, i contribuenti obbligati possono optare per l’utilizzo del proprio software di contabilità elettronica per soddisfare il requisito. In tal caso, il contribuente si applica ufficialmente a tale opzione in anticipo – fino alla fine di novembre precedente l’anno civile, in cui l’opzione è interessata.


Conformità allo SII spagnolo

Richiedi un preventivo